Le mie pubblicazioni

Fermami adesso: un libro appassionante, incisivo e che scava nei sentimenti umani.

AMAMI SUBITO 

Romanzo rosa, erotico, newadult

Il secondo emozionante capitolo della serie Alpha Boys Series

Dopo aver scoperto che Ricardo è il figlio di Miguel Santos de Sosa, lo spregiudicato magnate che ha tolto l’azienda a suo padre, Vittoria torna in lacrime a San Francisco e si dirige verso sud. Ricardo la cerca, la insegue e infine la raggiunge e la riabbraccia.

Ma l’amore non basta e Vittoria e Ricardo capiscono presto che se davvero vogliono stare insieme, servono coraggio e fiducia reciproca. Perché adesso sono insieme contro le loro famiglie e contro il mondo.

Se in Fermami Adesso Vittoria Queen ha messo in scena il colpo di fulmine tra due giovani, in questo secondo capitolo della serie Alpha Boys, ci troviamo di fronte alla nascita di una vera e propria coppia, che deve fare i conti con il mondo esterno, ma soprattutto con le proprie fragilità interiori.

Ancora una volta, infatti, con lo stile pulito e diretto che abbiamo imparato ad amare, l’autrice ci guida alla scoperta dei pensieri più intimi dei due protagonisti, calandosi a capitoli alterni ora nella mente di Vittoria, ora in quella di Ricardo, e ci obbliga a metterci in gioco accanto ai personaggi.

Se Vittoria e Ricardo riusciranno a superare difficoltà e ostacoli senza scendere a compromessi con il loro amore lo scopriremo solo nell’atteso secondo capitolo di questa appassionante trilogia, ma oggi non possiamo fare a meno di chiederci cosa faremmo noi al loro posto, a quali provocazioni potremmo resistere e a quali tentazioni invece potremmo cedere, quanto di noi stessi saremmo disposti a condividere e a cosa, invece, riusciremmo davvero a rinunciare senza rivalse.

arrow
Fermami Adesso

FERMAMI ADESSO

Romanzo rosa, erotico, newadult
“Sono seduta in aereo, ferma sulla pista di decollo dell’aeroporto di Chicago.

Mi gira la testa, gira da più di un’ora e non solo per l’alcool. L’aereo non parte perché a San Francisco c’è troppa nebbia per atterrare e finché il tempo non migliora ci lasciano qui ad aspettare. Mi sento in gabbia.

Ma io non sono la preda di nessuno. È la prima volta che ho un hangover così forte in aereo e non so come sopporterò cinque ore di volo e poi un’ora di macchina per tornare a casa di Anne.

Sono già stata ubriaca più volte, in questi anni di università a Milano non mi sono di certo risparmiata, ma ora è diverso, non è solo per l’alcool che mi gira la testa.

C’è il pensiero di lui, invadente, continuo, e il pensiero di noi, di quello che siamo stati in questi giorni. Solo quattro giorni, eppure ciò che mi ha dato lui in questa breve vacanza è stato più di quanto avessi avuto finora, più di quanto potessi mai sperare di avere…”

arrow
Fermami Adesso
Share This